ROMA: 8° giorno tour C.D.

Un esempio di carrellino (Foto di Rosaria Guarino)

Roma – 8° giorno del Tour Carrellini Disabili

Ultimi giorni, ultimi sforzi per questo Mago ormai esausto, e reduce da due giorni consecutivi nella città di Roma.

Ieri i Carrellini Disabili erano ospiti presso il Centro di Riabilitazione Veterinaria: un incontro prezioso e chissà, per l’amore dei nostri amici pelosi, speriamo anche una nuova possibilità di collaborazione.

Da un lato l’esperienza di chi con differenti tipi di terapia (fisioterapia, laserterapia, ma anche ad esempio massaggi e osteopatia) sostiene il percorso di un animale che deve imparare nuovamente a camminare. Il parere di chi ha visto situazioni di ogni tipo, ed ha le indispensabili conoscenze mediche per affrontarle.

Dall’altro, l’indispensabile fantasia di chi a seconda del problema, cerca di comprendere quale sia il supporto più adatto.

Ingegno, tempo, dedizione, sono virtù indispensabili se si vuole creare un carrellino che non solo deve sostenere la deambulazione, ma deve anche vestire perfettamente, come un abito per la festa!

In commercio si trovano ausili costruiti da ditte specializzate, le quali mettono a disposizione esperienza nel settore e capacità tecniche, ma presentano uno svantaggio: non è prevista la possibilità di seguire l’animale da vicino, e i carrellini vengono costruiti a a partire da modelli standard, non sempre adatti alle specifiche esigenze.

C’è chi allora il carrellino se lo costruisce da sé, con legno, fantasia e attenzione, ma senza l’esperienza necessaria!

Senza contare che a volte gli amici umani, poco esperti o attenti, prendono le misure in maniera troppo approssimativa. Altre volte l’animale cambia, cresce, e il carrellino risulta non essere più perfetto. Altre volte semplicemente le esigenze sono “un po’ fuori dalla norma”.

Probabilmente solo ora capisco davvero perché Alessandro venga chiamato “Mago”. Non tanto per la sua capacità nel realizzare oggetti mai visti prima, quanto perché veramente ha compiuto quel miracolo che solo la magia, può: apparire dal nulla, per mettere a disposizione fantasia ma anche esperienza.

Essere presente con il corpo ma anche con il cuore, a disposizione per le creature che più ne hanno bisogno.

Un’esperienza necessaria, costruttiva, stancante, emozionante, adrenalinica, meravigliosa, unica, irripetibile.
Anzi no, irripetibile no, perché noi speriamo che viaggi come questo si ripetano presto.

Domenica il tour affronterà la sua ultima tappa, e i Carrellini Disabili potranno tornare verso casa. Verso Luigi “Il Regista” che giorno dopo giorno, ha seguito il viaggio con il cuore sospeso.

Verso Treviso, dove nel magico (ma neanche poi tanto) nascondiglio-garage si realizzano tutti i desideri di ogni Peloso Diversamente Meraviglioso!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>