Muffin di verdure

Muffin verdureVariante della ricetta dolce, i muffin salati si prestano bene ad essere gustati come antipasto, o come finger-food per una cena a buffet!

Di cosa ho bisogno?
Stampini per muffin, vanno bene anche quelli di alluminio usa e getta da prendere al supermercato.

Ingredienti per ogni porzione:

  • 10 gr farina di grano semi integrale
  • 10 gr farina di grano saraceno
  • 10 ml di acqua
  • 8 ml di olio di girasole
  • Un pizzico di sale
  • Cremor tartaro* (polvere lievitante) q.b, in base alla farina utilizzata (controllate le dosi consigliate sulla bustina)
  • Verdure a scelta: a me piacciono i gusti decisi, quindi per 8 muffin ho utilizzato 1 carota, 1 cipolla e 1 peperone verde

IMPORTANTE per una perfetta riuscita dei muffin:

  • Tritare finemente le verdure e farle appassire in padella con un filo d’olio d’oliva. Non serve che siano ben cotte, l’importante è che evapori tutta l’acqua
  • Preparare in due contenitori separati gli ingredienti secchi (farine, lievito, zucchero, sale) e quelli liquidi (olio, latte, eventuale malto)
  • Aggiungere per ultime le verdure già cotte
  • Quando l’impasto è pronto, non va fatto riposare: versate subito negli stampini e infornate
  • Cucinate preferibilmente in forno statico, a 180° per circa 30 minuti
  • Terminata la cottura, aprite un pò la porta del forno e lasciate che raffreddino lentamente: uno sbalzo di temperatura potrebbe farli “sgonfiare”! Se possibile toglieteli dagli stampini finchè sono ancora tiepidi: in questo modo eviterete la formazione di umidità.

*IL CREMOR  TARTARO: è un sale acido, l’acido tartarico, chiamato anche bitartrato di potassio o cremore di tartaro ed estratto soprattutto dall’uva. Addizionato con bicarbonato di sodio funge da lievito. Lo si può acquistare nei negozi specializzati, in bustine molto simili a quelle del lievito chimico per dolci, già addizionato con la giusta quantità di bicarbonato.
Va preferito al lievito chimico perché questo contiene l’E470a, uno stabilizzante di origine animale che può essere un derivato bovino o suino.
Una particolarità: può essere usato da chi è intollerante ai lieviti in quanto – tecnicamente – non è un lievito.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *