Pranzo da asporto: ed è subito schiscetta!

Ed è subito schiscetta!

Non tutti gli italiani sanno che cosa sia la schiscetta, quindi partiamo con un po’ di storia.

Schiscetta è un termine dialettale, riferito originariamente al contenitore per il trasporto e il consumo di vivande. Il termine deriva dall’abitudine di colmare questi contenitori oltre le loro capacità, con il risultato che il cibo veniva schiacciato: “schiscià”, in milanese!

Altrimenti conosciuta anche come gavetta, o gamella, la schiscetta è stata prodotta in moltissime versioni: la più nota, e la prima a essere progettata specificatamente per operai e studenti, è La 2000, progettata da Renato Caimi e prodotta a partire dal 1952. In Lombardia è considerata un simbolo del boom economico, tanto che La 2000 è esposta permanentemente al museo del design della Triennale presso la Villa Reale di Monza.

Un oggetto con questa valenza storica, come può essere oggi sconosciuto a molti? Presto detto: la ripresa economica del dopoguerra portò molteplici cambiamenti alle abitudini e allo stile di vita dei lavoratori. Vuoi per l’offerta sempre maggiore di locali che proponevano menù economici, vuoi perché il tempo libero era sempre di meno, il pranzo da asporto scomparve, soppiantato da nuove possibilità che allora devono essere sembrate più comode e moderne.

In breve tempo la confidenza con il cibo è stata persa, la preparazione dei pasti sempre più delegata a terzi. Paradossalmente, il pranzo portato da casa è diventato una cosa considerata “da poveri”.

Grazie a una rinnovata coscienza alimentare, oggi la schiscetta torna a essere protagonista. Dalla Lombardia il termine si è diffuso in tutta Italia, anche se gli esterofili preferiscono la Lunch box, o le giapponesi Bento box. Online si trovano portavivande modernissimi e di design, impazzano i libri di ricette, i siti internet specializzati e pure gli account Instagram dedicati!

Quello della schiscetta però è un rito che richiede un minimo di organizzazione, fantasia, e senso pratico!

Partiamo dal contenitore: elettrico, termico, con scompartimenti separati? Scegliete qualcosa più semplice possibile, iniziate con ciò che avete in casa, purché con coperchio ermetico: eviterete che il vostro pranzo vi rovini la borsa, oltre che la giornata! In base alle esigenze, ai gusti, e a ciò che avete disponibile sul luogo di lavoro (microonde, scaldavivande, presa elettrica), potrete eventualmente aggiustare il tiro verso qualcosa di più specifico.

Per quanto riguarda la composizione del pasto, i cereali sono sempre una buona soluzione, meglio se integrali per il maggior contenuto di fibre. Possono essere cotti in precedenza per poi essere conservati in frigo fino a cinque giorni, oppure in congelatore per periodi più lunghi. Da condire con verdure di stagione saltate in padella per pochi minuti, frutta secca e semi oleosi (noci, mandorle, semi di girasole o di zucca).

La verdura non può mai mancare: la masticazione favorisce il senso di sazietà. Dopo averla tagliata, aggiungete un goccio di succo di limone: in questo modo eviterete che si annerisca, e arriverà all’ora di pranzo ancora fresca e croccante. Per quanto riguarda i condimenti, se non avete la possibilità di lasciarli sul luogo di lavoro, potete preparare un vasetto o una piccola bottiglia con una miscela già pronta: olio d’oliva, aceto, sale e pepe. Un pinzimonio take away!

Inserite degli ingredienti proteici e facilmente digeribili, per non appesantire la digestione e subire un calo dell’attenzione: i legumi, come i cereali, possono essere preparati in precedenza e conservati in congelatore, ma possono anche essere acquistati già lessati, e trasformati velocemente in zuppe, hummus, insalatone.

Voglia di dolce? Aggiungete anche un po’ di frutta fresca, frutta disidratata, oppure cioccolato fondente. Cambiate spesso gli ingredienti, e soprattutto giocate sempre con i colori: il vostro umore ne gioverà.

Di solito mi piace salutarvi con una ricetta, ma questa volta vorrei lasciarvi un ricordo della mia amata nonna. Molti anni fa, aveva l’abitudine di viziarmi preparandomi tanti vasetti di pasta e fagioli da tenere in congelatore. Per lei era un modo semplice di sentirsi utile, e per me era un contributo indispensabile per un pranzo dignitoso: ero giovane e sapevo cucinare poche cose, inoltre lavoravo e studiavo allo stesso tempo (come ora, del resto!) e trascorrevo le pause pranzo sui libri. Nonostante la fatica per gli obiettivi da raggiungere, quella pasta e fagioli consumata sotto a un albero nel giardino aziendale mi consolava, sapeva di famiglia. I legami affettivi non si manifestano solo nei giorni di festa, attorno a una tavola imbandita. Possono essere portati con sé nella vita di tutti i giorni. Anche dentro a una schiscetta.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *